<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Nel mondo più della metà della popolazione ha accesso a Internet. Sono 4.021 miliardi le persone (il 53% della popolazione mondiale) che possono essere considerate utenti della rete. Questo è il dato che viene fornito da We Are Social, azienda che annualmente raccoglie e distribuisce i dati relativi alla diffusione di internet, e non solo, a livello globale.

Durante il 2017, inoltre, è cresciuto anche il numero degli utenti globali iscritti ai social media: oggi sono circa 3.2 miliardi (alla fine del 2016 erano il 13% in meno). Così come è anche cresciuto il numero di utenti che utilizzano i dispositivi mobile per accedere alla rete, che oggi rappresentano il 49% della popolazione mondiale.

Perché è importante analizzare questi dati? Ogni giorno veniamo raggiunti da notizie che riguardano la digitalizzazione del mondo in cui viviamo: dalla scuola, alla sanità, passando per le fabbriche, gli uffici, le città, la pubblica amministrazione, il commercio e le banche, solo per citare alcuni degli ambiti in cui la digital transformation sta avendo luogo. Dare uno sguardo ai numeri alla base di questo processo ci aiuta a capire la dimensione di un fenomeno che, a livelli diversi, ha giornalmente un impatto sulle nostre vite.

Vuoi scoprire quali saranno i trend del 2018? Leggi l'articolo I 5 trend digitali protagonisti del 2018

I numeri in Italia cosa ci dicono? Stando alla fotografia rilasciata da We Are Social, a gennaio 2018 il numero di italiani con accesso a Internet rappresenta il 73% della popolazione, ossia più di 43 milioni di cittadini. Se consideriamo che il numero di residenti in Italia si aggira sui 60 milioni, di questi il 57% (circa 34 milioni) è attivo sui social media, mentre l’83% utilizza i dispositivi mobile (49,19 milioni). Inoltre, l’88% degli utenti italiani di Internet accadono giornalmente alla rete, l’11% lo fa almeno una volta settimana, e soltanto l’1% ha dichiarato di farlo almeno una volta al mese.

Gli italiani, dunque, sono un popolo con un buon tasso di penetrazione di Internet tra la popolazione. Ma quali dispositivi utilizzano per accedere alla rete? Il 59% utilizza il computer fisso/computer portatile, il 35% lo smartphone e il 5% il tablet. Numeri cha assumono un significato diverso se li leggiamo alla luce del cambiamento su base annua: la percentuale di utilizzo dei computer fissi/portatili è scesa del 6% tra gennaio 2017 e gennaio 2018, mentre quella relativa agli smartphone è cresciuta del 16% e quella dei tablet è scesa del 15%. È dunque evidente che agli italiani utilizzare i dispositivi mobile, e in primis gli smartphone, piace sempre di più, a discapito di qualsiasi altro device.

Quali sono le principali attività che noi italiani svolgiamo tramite smartphone? Secondo i sondaggi svolti dal GlobalWebIndex e dal Google Consumer Barometer, il 61% degli utenti di internet utilizza lo smartphone per usare le app di messaggistica istantanea, il 52% per guardare video, il 24% per effettuare un acquisto online e il 23% per effettuare operazioni bancarie.

E i social media? Sono 34 milioni gli italiani attivi sui social: tra le piattaforme più utilizzate figurano YouTube (utilizzato dal 62% degli utenti social), Facebook (60%) e Instagram (33%). Tra le app di messaggistica istantanea, invece, il leader indiscusso è sicuramente WhatsApp, utilizzato dal 59% degli utenti, mentre Facebook Messenger si ferma al 39%.

Su Facebook, in particolare, gli utenti italiani attivi mensilmente sono 34 milioni, il 10% in più rispetto a gennaio 2017. Di questi 34 milioni, circa l’88% accede al social di Zuckerberg da mobile, il 48% è costituito da donne, mentre i profili maschili sono il 52%. La maggior parte degli uomini presenti su Facebook, inoltre, appartiene alla fascia d’età tra i 25-34 anni, mentre la maggior parte della donne rientra nella fascia tra i 35-44 anni: in generale la fascia d'età più rappresentata su Facebook è quella tra i 25-34 anni.

Vuoi saperne di più sulla storia di Facebook? Leggi l'articolo Facebook: tra storia e futuro

Conoscere i numeri di un fenomeno è importante per capire quali potranno essere le sue direzioni future, soprattutto in un mondo in costante cambiamento come quello in cui viviamo oggi. Tu riesci a rimanere al passo con un mondo digitale in continua evoluzione? Se la risposta è no, ci pensiamo noi! 

Clicca qui sotto per saperne di più sui Trend Digitali 2018 e per scoprire come il nostro team può portarli nella tua azienda!



New call-to-action

Chiara Bua
Autore

Chiara Bua

Esponente di spicco del binge-watching da molto tempo prima dell'arrivo di Netflix, non si tira mai indietro quando c'è da scoprire un nuovo ristorante giapponese o una succulenta hamburgheria. È nota al grande pubblico per essere tra le poche persone al mondo ad andare ogni giorno oltre la prima pagina di risultati di Google senza subire danni permanenti al cervello.

Potrebbe interessarti anche

Pubblicato in:

Pubblicato in:

Pubblicato in:


New Call-to-action
New call-to-action