<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

4' di lettura

 

Più di 1500 anni fa Sant'Agostino diceva che "qualsiasi vento storico, per quanto nefasto possa essere, è sempre posto su di una via che porta al positivo, ha sempre un significato costruttivo".

Sarà così anche per la pandemia da Covid-19? Quello che stiamo vivendo è un evento storico di dimensione globale destinato a costruire una nuova società e ad inaugurare una nuova era?

 

tentacle-magazine-secondo-numero 

 

Covid-19: come sarà il mondo del post-pandemia?

Evento epocale. Punto di non ritorno. Nuovo anno zero.

È in questi termini che oggi parliamo della pandemia da Covid-19. Perché da poco più di un anno abbiamo iniziato a percepire il tempo in maniera diversa: oggi siamo sempre più consapevoli che è esistito un mondo pre-pandemia e che ne esisterà un altro post-pandemia.

Anzi, usando le parole dello storico scozzese Niall Ferguson, sarebbe meglio immaginare un mondo “con Covid-19” che uno “post Covid-19”, poiché il virus in sé non è altro che una malattia a cui dobbiamo acclimatarci come specie.

A luglio 2020 più della metà degli utenti di internet affermava di aver deciso di posporre gli acquisti importanti (auto, vacanze, elettronica, etc.), oggi lo afferma il 25% degli utenti.

Abbiamo quindi iniziato a non mettere più in pausa le nostre vite, a riprendere a programmare per il futuro. Dal punto di vista economico, gli indicatori dell’OCSE evidenziano l’avvio di una fase di ripresa guidata in primis da Cina e Stati Uniti, e anche in Europa, Italia inclusa, gli indicatori previsionali puntano verso una tendenza positiva nei prossimi mesi.

È in questa cornice che tutti noi siamo alla ricerca di un nuovo equilibrio, che le attività economiche e le istituzioni sono impegnate in una vera trasformazione digitale in grado di abilitare l’avvio di una nuova era.

La storia ricorderà gli anni successivi allo scoppio della pandemia come Coronacene, termine derivato dal tristemente noto coronavirus SARS-CoV-2? Probabile.

Quali tratti contraddistingueranno questo nuovo periodo storico?

 

articolo2

 

Le parole chiave di oggi: lavoro, tecnologia e acquisti.

Tre, ad oggi, le possibili parole chiave: lavoro, tecnologia e acquisti.

È in atto, infatti, un profondo cambiamento nel modo di lavorare, di usare la tecnologia e di fare acquisti: un cambiamento di rottura, disruptive.

Probabilmente l’impatto più evidente del Covid-19 sul mondo del lavoro è il considerevole aumento dei lavoratori da remoto. Secondo McKinsey, circa il 20-25% della forza lavoro nelle economie avanzate potrebbe lavorare da remoto da tre a cinque giorni alla settimana. Ciò rappresenterebbe un incremento da quattro a cinque volte superiore rispetto al periodo precedente alla pandemia.

Questo mentre in Italia si stima che i lavoratori che lavoreranno almeno in parte da remoto saranno 5,35 milioni. Nel 2019 erano 570mila, durante il 2020 sono stati più di 6 milioni.

Così come il lavoro da remoto, anche un uso sempre più capillare e consapevole della tecnologia farà la differenza nel Coronacene. Ne è un esempio quanto abbiamo già osservato durante il 2020 in Italia nel mercato dell’Intelligenza Artificiale: crescita del 15% nonostante l’emergenza, focalizzazione su attività specifiche (per esempio forecasting e virtual assistant).

Senza dimenticare la pubblicazione della “Strategia Italiana per l’Intelligenza Artificiale” e l’avvio dell’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale (I3A), un hub nazionale per coordinare le diverse attività di ricerca e contribuire allo sviluppo del settore.

Nel mondo degli acquisti, invece, ciò che prima era un’interessante via di innovazione oggi è una necessità imperante: l’omnicanalità.

Prima della pandemia, nel mondo, gli acquisti online di generi alimentari erano più comuni tra i Millennials che vivevano in città, oggi lo sono anche tra i Gen Z e i Baby Boomers, così come anche tra i consumatori che vivono in ambienti suburbani.

Cambia quindi anche il customer journey: Google parla di “Messy Middle” per raccontare il modo sempre più caotico in cui le persone prendono le decisioni d’acquisto oggi, in un mondo caratterizzato da information overload e digitalizzazione diffusa.

Nuove abitudini quindi, nuovi paradigmi, nuovi elementi distintivi che sanciscono una discontinuità, un’evoluzione rispetto al passato.

In questo scenario non può che emergere una quarta parola chiave: vendite. Una epocale trasformazione del processo di vendita.

Una Sales Transformation.

 

sales transformation neuromarketing inbound sales

 

Tentacle Magazine: lo speciale dedicato alla Sales Transformation. 

Tra mille incertezze, tanta speranza e un forte bisogno di cambiamento, il 2021 si è messo in moto. Mai, come in questo periodo di grande instabilità, è stato così complesso fare delle previsioni sullo sviluppo del proprio business.

La necessità di prendere decisioni ci spinge da sempre a guardare al futuro, cercando di prevederlo, ma in un momento come questo è impossibile conoscere con certezza quali saranno gli effetti della pandemia sul lungo periodo.

Per chi come noi, però, da sempre studia il cambiamento, è più facile riuscire a delineare alcuni scenari e intercettare quali trasformazioni avverranno.

Ti diamo il benvenuto nel secondo numero di Tentacle Magazine: la pubblicazione di Digital Dictionary che si occupa di fare ordine nelle fasi concitate di cambiamento all’interno delle imprese.

Questo numero è dedicato al mondo delle vendite: l’allineamento dei processi di vendita ai trend della Digital Transformation è un argomento prioritario per incontrare le nuove modalità di consumo.

È un tema di valenza strategica, rilevante sia per la continuità del business aziendale sia per lo sviluppo futuro dell’impresa.

In questo articolo scoprirai quali sono i maggiori cambiamenti che stanno interessando il mondo delle vendite, quali le principali sfide introdotte dalla trasformazione digitale e quali azioni intraprendere per garantire al proprio team vendite, e alla propria impresa, di prosperare.

Come sempre facciamo tesoro dell’eredità del passato, ma guardiamo avanti.

 

tentacle-magazine-download-digitale

 

Chiara Bua
Autore

Chiara Bua

Esponente di spicco del binge-watching da molto tempo prima dell'arrivo di Netflix, non si tira mai indietro quando c'è da scoprire un nuovo ristorante giapponese o una succulenta hamburgheria. È nota al grande pubblico per essere tra le poche persone al mondo ad andare ogni giorno oltre la prima pagina di risultati di Google senza subire danni permanenti al cervello.

area-download-approfondimenti-gratuiti
New call-to-action