<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

La Digital Transformation sta modificando giorno dopo giorno il nostro modo di essere individui e professionisti (per un approfondimento sugli impatti della Digital Transformation in Italia si rimanda all’articolo Digital Transformation in Italia: gli impatti sulla competitività futura). Si tratta di un cambiamento in cui le tecnologie digitali giocano un ruolo di primo piano per abilitare nuove forme di valore.

 

DD_Digital_Capabilities_CTA_TOFU

Prendiamo come esempio il mondo del cloud: questa tecnologia ci consente, a vari livelli e per svariati motivi, di non essere più ancorati a un dispositivo o a un luogo specifico non soltanto per poter avere visione di file personali come documenti, foto o video, ma anche per poter svolgere il proprio lavoro. La possibilità di poter condividere facilmente documenti e informazioni, di poter lavorare contemporaneamente sullo stesso file, di poter creare gruppi di discussione dedicati in cui gli scambi comunicativi avvengono in tempo reale, sono tutte opzioni che prima dell’avvento del digitale non erano disponibili: qualcuno direbbe che collaborare a uno stesso progetto in un’epoca pre-digitale era un po’ più complicato di quanto non sia oggi.

 

Cosa è il Digital Team Working?

Ecco perché oggi è possibile parlare di Digital Team Working, ossia la capacità di lavorare in modo produttivo, di stimolare l’engagement tra colleghi e di prendere parte attiva a un team anche da remoto. Ciò vuol dire essere in grado di utilizzare gli opportuni strumenti digitali che agevolano e rendono possibile la collaborazione a distanza e di farlo nel modo più appropriato per raggiungere gli obiettivi prefissati. Anche la comunicazione riveste un ruolo importante in una situazione di questo tipo e una skill come la virtual communication (per approfondire questa abilità digitale si rimanda all’articolo Virtual Communication: il saper comunicare efficacemente sui canali digitali) non può che tornare utile anche per sostenere lo sviluppo di una capacità come il digital team working.

Per quanto, però, collaborare oggi sia semplice, grazie all’utilizzo di appositi strumenti digitali, ciò non vuol dire che sia immediato. Cosa vuol dire? Che come per qualsiasi altra attività, anche la collaborazione richiede la conoscenza e la padronanza di specifici comportamenti, oltre che di appositi strumenti, per poter davvero portare ai risultati prefissati. Del resto la collaborazione sul luogo di lavoro è diventato uno dei trend più attuali dell’organizzazione aziendale: per migliorare la produttività, e accrescere la competitività, le imprese di tutto il mondo - a prescindere dalle dimensioni e dal settore di appartenenza - stanno adottando con sempre maggior intensità dinamiche di team working in cui il concetto di unità aziendale diventa sempre più rarefatto a favore della collaborazione tra individui provenienti da aree aziendali differenti per rispondere alle esigenze del mercato. È proprio per questo motivo che le imprese oggi cercano di assumere una struttura meno rigidamente gerarchica e di adottare, invece, un’organizzazione interna per team focalizzata su specifici obiettivi da raggiungere di volta in volta.

 

Cosa occorre per lavorare in gruppo in un mondo digitale?

Per lavorare in gruppo è necessario sviluppare innanzitutto la capacità relativa al “lavorare in gruppo”, ossia la capacità di rendersi disponibile ad integrare le proprie energie con quelle degli altri per il raggiungimento degli obiettivi. Potrebbe sembrare quasi una banalità, ma in realtà si tratta di qualcosa di ben più complesso di quanto non sembri in prima battuta. Questo tipo di capacità, infatti, è estremamente soggettiva e rientra più nell’area delle relazioni e delle emozioni dell’individuo che non in quella cognitiva. Proprio per questo motivo la capacità di lavorare in gruppo è qualcosa che va acquisita con la pratica mettendo in atto comportamenti adeguati, come:


blog_immagini.001-2

Una delle caratteristiche principali del lavoro in team, inoltre, è creare dei gruppi per raggiungere obiettivi specifici. Ciò vuol dire che non si tratta, spesso, di gruppi di lavoro fissi in cui le stesse persone lavorano sempre in collaborazione tra loro, ma che in base a specifiche esigenze o a specifici progetti vengono assemblati team di lavoro per riuscire a raggiungere il risultato prefissato nel migliore dei modi. Ecco, quindi, che il possedere un “orientamento ai risultati” è una capacità che risulta essere particolarmente utile nel mondo del lavoro: con ciò si intende la capacità di indirizzare costantemente la propria e l’altrui attività al conseguimento degli obiettivi previsti, fornendo un livello di prestazione coerente alla natura e all’importanza degli stessi. Per riuscire a padroneggiare questa capacità sarebbe opportuno:

blog_immagini.002

 

Le caratteristiche del Digital Team Working

Vista la crescente importanza che il team working sta assumendo a livello aziendale, la skill associata a questo modello di organizzazione delle attività lavorative è ritenuta estremamente importante e rappresenta oggi una di quelle capacità da sviluppare per essere competitivi nel mondo del lavoro come professionisti. Secondo il framework fornito dal modello “Web Literacy & 21st Century Skills” sviluppato da Mozilla, quando si parla di digital team working si intende:

la partecipazione alla selezione e all'utilizzo di strumenti digitali che migliorano la produttività del gruppo e il dimostrare una comprensione del modo in cui le tecnologie digitali influenzano il lavoro proprio e quello degli altri

Più nel dettaglio, secondo Mozilla, questa digital soft skill può essere suddivisa in 5 sotto-competenze che insieme contribuiscono allo sviluppo e alla padronanza della skill principale:

  1. Scegliere uno strumento digitale per collaborare con gli altri;
  2. Co-creare risorse digitali e contenuti insieme ai propri colleghi;
  3. Configurare le notifiche per rimanere aggiornati con il lavoro svolto dagli altri membri del gruppo;
  4. Lavorare verso un obiettivo condiviso utilizzando strumenti sincroni (che comunicano in tempo reale) e asincroni (in cui lo scambio informativo non avviene in tempo reale);
  5. Sviluppare e comunicare una serie di aspettative e risultati condivisi.

Gli strumenti del digital team worker

Se tutto ciò è valido in un contesto di collaborazione in cui i membri del team condividono il medesimo spazio, lo è probabilmente ancora di più nel momento in cui a collaborare è un team “diffuso”, ossia un gruppo di persone situate non semplicemente in uffici diversi ma, potenzialmente, anche in continenti differenti. È proprio in queste situazioni che il contributo della rivoluzione digitale si fa sentire con più forza: grazie a strumenti digitali per la condivisione e la collaborazione è possibile valicare qualsiasi frontiera e creare il miglior team di lavoro possibile, senza porre il limite che i componenti debbano essere ubicati all’interno della medesima sede aziendale. Da G Suite a Slack, passando per Dropbox, iCloud, Wrike, Asana: sono numerosi gli strumenti che, in base alle diverse esigenze professionali, possono essere utilizzati per abilitare una pratica, e la relativa skill, come quella del digital team working.

 


 

Oggigiorno collaborare all’interno di ambienti digitali, o grazie all’ausilio di strumenti digitali, è sempre più rilevante. Oltre, sicuramente, a una certa predisposizione innata, quella della collaborazione è una soft skill, oggi sempre più digital, che nel mondo del lavoro non può essere ignorata e che va dunque costantemente coltivata. Se da un lato, grazie alla trasformazione digitale, persino il luogo di lavoro può diventare ubiquo, nel senso che per alcune professioni (soprattutto quelle di tipo manageriale) è possibile svolgere il proprio lavoro ovunque ci si trovi, dall’altro lato anche per chi continua a lavorare in modo “tradizionale” è possibile sperimentare i benefici di un sistema di lavoro più orientato alla collaborazione grazie a tecnologie e strumenti che ne facilitano l’impiego.


Vuoi saperne di più sugli impatti della digital transformation in Italia e sulle digital capabilities necessarie per un cambiamento sostenibile? Dai un'occhiata alla nostra ricerca cliccando sul tasto in basso!

 

DD_Digital_Capabilities_CTA_TOFU

Chiara Bua
Autore

Chiara Bua

Esponente di spicco del binge-watching da molto tempo prima dell'arrivo di Netflix, non si tira mai indietro quando c'è da scoprire un nuovo ristorante giapponese o una succulenta hamburgheria. È nota al grande pubblico per essere tra le poche persone al mondo ad andare ogni giorno oltre la prima pagina di risultati di Google senza subire danni permanenti al cervello.

Visual_storytelling_fundamentals_checklist
Digital_mindset_CTA