<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

10' di lettura

Tutto il 2019 è stato un anno ricco di novità digitali. Il nostro team Education ogni mese ne ha selezionate alcune di particolare interesse da condividere. Alla fine dell’anno, però, da tradizione arriva il momento di fare il punto degli eventi passati per prepararsi ai propositi dell’anno nuovo.

Ecco che allora anche noi di Digital Dictionary non vogliamo essere da meno e abbiamo preparato un recap con alcune delle più importanti notizie ed eventi che hanno caratterizzato l’anno uscente. 

Quali sono le notizie di cui parleremo? Scopriamole insieme:

 

Potete trovare queste notizie anche nella nostra infografica di Natale. Clicca sul bottone qui sotto per riceverla via email e rivivi insieme a noi un anno di notizie digitali! 👇

 

notizie_digitali_2019

 

Amazon Echo arriva nelle auto

Alexa, l’assistente vocale di casa Amazon, è pronta a mettersi alla guida delle nostre auto. Annunciato e presentato al CES 2019 a inizio anno, infatti, l’azienda ha dichiarato che Echo Auto è pronto per essere lanciato entro la fine dell’anno. Cos’è esattamente? Un piccolo smart device dotato di 8 microfoni che lo rendono in grado di sentire i comandi vocali anche al di sopra di musica, aria condizionata e rumore della strada e che permette di portare l’assistente vocale Alexa nelle automobili semplicemente configurandolo dallo smartphone. 

Con Echo Auto gli utenti potranno ascoltare la musica, chiedere indicazioni stradali, fare chiamate, ascoltare audiolibri, accedere ai calendari e alle liste della spesa e persino controllare gli elettrodomestici intelligenti a casa, direttamente dalla propria auto. 

 

20191212_echo

 

Lo shopping su Instagram con Checkout

Ne abbiamo parlato nell’articolo "Da Instagram Checkout a Facebook Marketplace: tutti gli strumenti al servizio del Social Commerce", ma non potevamo non ricordare una delle principali novità del social commerce. A marzo, Instagram ha introdotto Checkout, la funzionalità di shopping sul social che permette, non solo di visualizzare le informazioni dei prodotti, ma anche di acquistarli senza lasciare la piattaforma.

Ancora oggi questa funzionalità può essere utilizzata solo da alcuni brand, ma le possibilità di shopping su Instagram non si limitano solo a Checkout! In questa stagione natalizia, il social fotografico ha collaborato con Céline Dion per dare vita alla guida ai regali più belli. Ispirandosi alla sua iconica performance in "It's All Coming Back to Me Now", è stato creato un nuovo video musicale che presenta 18 marchi disponibili all’acquisto con Instagram Shopping!

 

 

LinkedIn introduce le Reactions

Le persone entrano ogni giorno su LinkedIn per scoprire cosa succede nella loro comunità professionale e parlano tra loro di argomenti e idee legate al loro lavoro. Queste conversazioni coprono un'ampia gamma di argomenti, che si tratti di discutere notizie di settore, celebrare una pietra miliare di un'azienda, dare consigli sul percorso di ricerca di lavoro di qualcuno, o condividere pensieri su argomenti importanti sul posto di lavoro. 

Per arricchire le possibilità di comunicazione che questo social network professionale offre, lo scorso aprile, LinkedIn ha introdotto le Reactions dando così agli utenti più modi per comunicare in maniera rapida e intuitiva.

Come dichiarato dalla società stessa, è stato utilizzato un approccio riflessivo nella progettazione di queste reactions, incentrato sulla comprensione di quali sarebbero state più utili per i tipi di conversazioni che i membri hanno su LinkedIn. Ecco che, oltre al tasto “Consiglia”, sono stati aggiunti “Festeggia”, “Cuore”, “Geniale”, “Interessante” e ognuna di queste reactions ha, ovviamente, la sua emoticon. 

 

20191212_linkedin

 

Un catalogo dei prodotti su WhatsApp Business

Alla conferenza annuale F8, Mark Zuckerberg ha annunciato diverse nuove funzionalità per tutti gli strumenti dell’ecosistema Facebook - che potete scoprire al nostro articolo “Digital News di Giugno: tutte le novità dal GAFA world”. Tra queste anche WhatsApp Catalog, con la quale le aziende potranno mostrare un catalogo dei propri prodotti ai clienti direttamente dalla app. 

Catalog è una vetrina mobile per le aziende per mostrare e condividere i loro prodotti in modo che le persone possano facilmente sfogliare e scoprire qualcosa che vorrebbero comprare. In precedenza le aziende dovevano inviare le foto dei prodotti uno alla volta e fornire ripetutamente informazioni; ora i clienti possono vedere il loro catalogo completo direttamente all'interno di WhatsApp

 

 

Il lancio ufficiale di Amazon Prime Air

Tra gli annunci provenienti dagli esponenti del GAFA world non sono da dimenticare quelli di Amazon. Alla sua conferenza RE:Mars - l’evento interamente dedicato a Machine learning, Automation, Robotics e Space - Jeff Bezos ha lanciato ufficialmente il suo servizio di consegna a domicilio tramite droni intelligenti di cui erano in atto dall’anno scorso i test pilota.

Amazon Prime Air, questo il nome del servizio, avrà a disposizione una flotta di piccoli droni totalmente elettrici e in grado di consegnare i pacchi entro una distanza di 24 chilometri nel giro di 30 minuti. Questi velivoli saranno inoltre dotati di intelligenza artificiale, computer vision e un sistema di machine learning per consentir loro di riconoscere ed evitare qualsiasi tipo di ostacolo.

 

 

Google Lens update

Anche Google non si è tirato indietro in questo 2019. Una delle tante novità introdotte è il potenziamento della funzione Google Lens, il servizio di ricerca visiva supportato dall’intelligenza artificiale. Per chi non lo conoscesse, si tratta di una sorta di assistente personale visuale in grado di fornire informazioni sull’ambiente circostante semplicemente inquadrandolo con la telecamera dello smartphone

Grazie all’integrazione con la tecnologia di realtà aumentata (AR) Google Lens, da quest’anno, sarà anche in grado di mostrare contenuti virtuali aggiuntivi agli oggetti inquadrati con la fotocamera dal proprio telefono, tradurre istantaneamente i testi delle immagini catturate, inquadrare il menù di un ristorante per individuare immediatamente i piatti più popolari di quel locale o visualizzare le recensioni e le immagini fornite in precedenza dagli altri clienti. Se poi a cena si è insieme ad altri amici e si vuole dividere il conto basterà inquadrare con lo smartphone lo scontrino e automaticamente si aprirà una finestra con una calcolatrice che dividerà l’importo. 

20191212_googlelens

Lo Smart Working in Italia

Cosa significa esattamente con il concetto di Smart Working? Secondo L’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano con Smart Working si intende:

una nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati

 

In Italia lo Smart Working è una realtà consolidata e una grande impresa su due ha all’attivo progetti di smart working: di questi, il 16% è in fase di sperimentazione, il 44% è in fase di estensione ad una platea di dipendenti più ampia e il restante 40% dei progetti è a regime. Il 53% dei progetti comprende solo la possibilità di lavorare da remoto, mentre gli altri progetti (47%) affiancano al lavoro da remoto anche iniziative legate al ripensamento degli spazi

Tra i luoghi alternativi dove lavorare i più diffusi sono la propria abitazione (80%), le altre sedi aziendali (74%), gli spazi di coworking (58%) e i luoghi pubblici (52%). Per quanto riguarda il numero di smart workers questi raggiungono i 570mila e il 40% di loro vede nella possibilità di conciliare la vita privata con il lavoro il principale vantaggio di questa nuova modalità di lavoro flessibile. 

Per sapere di più sul mondo dello Smart Working potete anche leggere il nostro articolo "Le tre B dello Smart Working: Bricks, Bytes, Behavior"!

 

Apple ha una nuova carta di credito 

Spostiamoci nel mondo dei pagamenti, non per parlare però di novità sul fronte dei pagamenti digitali, ma per scoprire di più su una nuova carta di credito. Cosa ha di speciale? A lanciarla sul mercato è un player che si affaccia per la prima volta nel settore bancario: il colosso tecnologico Apple.

Come abbiamo avuto modo di spiegare nel nostro articolo “Digital News e Banking: alla scoperta delle ultime novità del settore”, Apple Card è una carta fisica ma perfettamente integrabile nel servizio di pagamento digitale Apple Pay. La carta è gratuita e funzionerà tramite circuito Mastercard, mentre i servizi bancari saranno offerti dalla partnership con la banca d’affari Goldman Sachs.

Come per le transazioni sul circuito digitale di Apple anche la carta fisica funzionerà tramite codice univoco per ogni transazione per mantenere un elevato standard di sicurezza, così come non verranno mostrati dati sulla carta che sarà in titanio e mostrerà solo il nome del proprietario e il simbolo della famosa mela. Apple Card è stata annunciata a marzo 2019 e lanciata negli Stati Uniti ad agosto, ma è già previsto il lancio in futuro anche in altri Paesi a livello globale. 

 

20191212_applecard

 

I numeri da record del Single Day di Alibaba

Nuovi numeri da record per la giornata dello shopping cinese: ordini del valore di un miliardo di dollari solo nel primo minuto dopo la mezzanotte, 38,27 miliardi di dollari fatturati in una sola giornata, più di 700 milioni di utenti e 200 mila brand partecipanti.

Quest’anno l’evento è stato totalmente incentrato sui consumatori: su come raggiungerli e su come fornire loro la migliore selezione possibile di prodotti. Alibaba da sempre si impegna per conoscere a fondo i suoi consumatori e fornisce ai marchi con cui collabora i dati necessari per sviluppare e commercializzare prodotti su misura per i suoi acquirenti online. Per questo 11.11, per esempio, più di 100.000 marchi hanno utilizzato nuove modalità di contatto come il live stream shopping per commercializzare i propri prodotti, attirando l’attenzione dei consumatori cinesi. E non sono le sole tecnologie messe in campo dal colosso cinese, per scoprire le altre vi basta leggere il nostro articolo “Digital News di Novembre: tra e-commerce, e-payments e AI”. 

 

 

Apple entra nell'entertainment con la sua TV+

Netflix, NowTV, Infinity, Amazon Prime Video… e ora anche Apple TV+. L’azienda di cupertino, dopo il settore bancario, ha deciso quest’anno di lanciarsi anche in quello dell’entertainment e dello streaming con una sua piattaforma dedicata. Lanciata a livello globale il primo novembre e disponibile con sottoscrizione in abbonamento, la piattaforma video di Apple offre un palinsesto di contenuti interamente inediti creati dai migliori talenti del cinema e della TV.

Zack Van Amburg, responsabile Apple di Worldwide Video ha dichiarato:

Con Apple TV+ stiamo presentando al mondo storie originali ideate dalle menti più brillanti e creative. Siamo sicuri che grazie a questo servizio gli spettatori scopriranno nuovi film e spettacoli preferiti […].Ogni contenuto inedito di Apple TV+ racconta una storia interessante, oppure trasmette una prospettiva fuori dal comune e un messaggio costruttivo. L’obiettivo è quello di intrattenere, avvicinare le persone e offrire spunti culturali

 

 

Queste le notizie selezionata per questo 2019! Per rileggerle e averle sempre a portata di mano abbiamo anche pensato di raccoglierle nella nostra infografica di Natale. Clicca sul bottone qui sotto per scaricarla! 👇

notizie_digitali_2019

 

Francesca Toldi
Autore

Francesca Toldi

Curiosa, propositiva e perfezionista. Davanti ad una sfida non si tira mai indietro. Approdata nel mondo della comunicazione da un background di studi molto vario ora è digital analyst e content creator in Digital Dictionary. Segni particolari: divoratrice di romanzi e cinefila professionista. Il suo motto: don’t stop until you are proud!

report_trend_digitali_2020
digital-strategy-posizionamento-comunicativo-canali-digitali