<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Nei prossimi 5 anni le aziende italiane dovranno affrontare un percorso di digitalizzazione tanto rispetto ai processi industriali quanto dal punto di vista del marketing e della comunicazione. Digital Dictionary affianca le imprese nello sviluppare un posizionamento strategico sui canali digitali, aiutandole a cogliere le opportunità offerte dalla Digital TransformationLa nostra esperienza ci ha aiutato a definire le best practice per avvicinarsi ai propri obiettivi così come gli errori da non commettere. Eccone 5!

1. La strategia di comunicazione aziendale non è figlia di uno spritz!

La creatività è un fattore determinante per un’attività di comunicazione aziendale sui canali digitali. Eppure una strategia che si basi solo su contenuti originali può rivelarsi un’attività estemporanea, non garantendo dei risultati effettivi nel lungo periodo. Per questo motivo un’azienda che vuole presidiare in maniera efficace i canali digitali, deve definire il proprio posizionamento con metodo e rigore, individuando i fattori critici di successo. Il modo migliore per farlo è farli derivare dalla stessa strategia aziendale (potrebbe interessarti il nostro articolo sul Business Model Canvas),

2. Banner, banner, banner ovunque

Attirare l’attenzione degli utenti online è il fattore di successo di ogni strategia di comunicazione aziendale sui canali digitali. Oggigiorno, aziende appartenenti ai più disparati settori sono online e cercano di ritagliarsi un proprio spazio. La maggior parte utilizza strategie di outbound marketing: banner, pop-up, telemarketing etc. Lo scopo? Comparire sullo schermo degli utenti, emergere, proporre offerte! Tutto questo anche a costo di interrompere la navigazione dell’utente  correndo il rischio di risultare fastidiosi.

Nel mondo del web, dove tutti “gridano”, un’azienda che vuole avere successo dovrebbe imparare a “sussurrare”. Ciò significa generare contenuti di qualità e rilevanti per il proprio target e fare in modo che siano gli stessi utenti a trovare l’azienda. Un blog ben strutturato e contenuti ottimizzati per i motori di ricerca sono i driver per ottenere questo risultato: in due parole, Inbound Marketing (scopri la nostra infografica: Outbound vs Inbound).

3. Il tuo target non sono tutti gli italiani online

Uno degli errori a monte durante la definizione di una strategia di posizionamento online è quello di farlo senza prestare abbastanza attenzione al target che essa dovrà raggiungere. L’errore dunque è quello di costruire dei contenuti potenzialmente interessanti per tutti ma nel concreto non realmente rilevanti per i potenziali clienti della propria realtà! Quale soluzione? Costruire il profilo delle proprie buyer personas, studiare il loro comportamento online e produrre dei contenuti ritagliati su di loro, orientati a proporre soluzioni per i loro bisogni (qui trovi come costruire delle buyer personas perfette).

4. Pubblicare per il piacere di pubblicare

Scrivere articoli divertenti o realizzare dei post unici può sicuramente generare per le aziende un aumento del gradimento da parte degli utenti online. Eppure non sempre garantisce il vero risultato che ogni strategia di comunicazione aziendale dovrebbe porsi: creare nuove opportunità commerciali. Scrivere per la brand awareness va bene, ma scrivere per la lead generation è meglio! Scopri le migliori tecniche per creare nuove opportunità commerciali!

5. "Non esiste nulla fino a che non viene misurato" (Niels Bohr)

A differenza dei media tradizionali, nel digitale ogni azione di comunicazione è misurabile. In un contesto caratterizzato da information overload, bisogna imparare a misurare solo ciò che serve. Ecco perché una best practice prima di avventurarsi nella propria attività di comunicazione aziendale è quella di prevedere un modello di misurazione delle performance per valutare la capacità della propria content strategy di raggiungere gli obiettivi d’impresa!

Vuoi sapere come possiamo aiutarti a definire la strategia giusta? Clicca al link qui sotto e richiedici una dimostrazione! 

Progetto_Inbound_Marketing

Gaetano Di Giuseppe
Autore

Gaetano Di Giuseppe

Classe 1992, arrivato da Salerno a Milano con l'alta velocità. Laureato in Marketing Management, con un background umanistico e un passato nel teatro. Oggi Business Developer in Digital Dictionary!

New Call-to-action
New call-to-action