<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Vi hanno detto che uno degli strumenti fondamentali per fare Inbound Marketing è il blog aziendale. Siete rimasti affascinati dalle sue potenzialità sia in termini di lead generation che di SEO. Ma ora una domanda sorge spontanea: come si fa a creare un blog aziendale completamente da zero? Noi di Digital Dictionary vogliamo aiutarvi con queste sette regole:

#1 Il blog deve avere uno scopo

Perchè il vostro blog aziendale esiste? La risposta più semplice è: per trovare nuovi clienti! Vero, sicuramente, ma non può essere solo questo lo scopo del vostro blog. Bisogna essere consapevoli che un blog è un investimento a lungo termine per l'azienda, che richiede tempo e ha bisogno di risorse dedicate. Pertanto la sua esistenza non può essere lasciata al caso, ma prima di iniziare a comunicare bisogna chiedersi: qual è lo scopo più ampio? In cosa la nostra azienda è davvero competente? Quale valore vogliamo trasferire ai nostri lettori e possibili clienti?

#2 Il blog deve parlare a un target preciso

Chi sono i vostri clienti ideali? In linea generale, il blog aziendale dovrebbe essere scritto pensando a loro, ai loro interessi, ai loro problemi e alle sfide che afrontano tutti i giorni. Solo in questo modo si potrà decidere quali contenuti pubblicare, tenendo in considerazione anche le loro abitudini di ricerca. Uno degli obiettivi principali dell'Inbound Marketing è costruire una relazione di fiducia coi propri clienti duratura nel tempo: se il blog è in grado di fornire loro dei contenuti interessanti e in grado di risolvere i problemi, allora diventerà un punto di riferimento. Avete ancora dei dubbi su come individuare i vostri clienti ideali? Allora potrà esservi utile questo articolo: Le buyer personas: il primo passo per generare lead qualificati

#3 Il blog deve essere piacevole da vedere ma soprattutto usabile

Quanto conta l'aspetto grafico? Gli utenti del web sono ormai abituati a standard elevati, e una grafica accattivante è sicuramente un plus quando si parla di blog o in generale di siti web. Ma non solo, al vostro blog non basterà solo presentare contenuti esteticamente belli e interessanti, è fondamentale monitorare anche fattori quali la leggibilità (occhio alla scelta dei font e all'utlizzo eccessivo dei colori), la velocità di caricamento (diciamocelo, nessuno ha la pazienza di aspettare che una pagina si carichi per più di uno o due secondi), e il fatto di essere mobile responsive (e quindi fruibile da ogni dispositivo, non solo desktop, ma anche mobile).

#4 Il blog deve avere una redazione e un piano editoriale

Chi scrive sul blog? Ogni quanto bisogna pubblicare? Non esistono delle regole auree in questo campo, l'unica cosa certa è che, come ogni strumento di comunicazione aziendale, il suo utlizzo non può essere lasciato al caso. Un blog aziendale non può essere popolato sporadicamente, solo quando ci sono informazioni da comunicare o qualche evento a cui si è preso parte. Un blog ha bisogno di una strategia di contenuto chiara, con degli obiettivi e delle risorse messe a disposizione per raggiungerli.

Nella scrittura coinvolgete quelle persone che ritenete essere le più autorevoli all'interno del vostro team a seconda dell'argomento di cui volete parlare. Per quanto riguarda la frequenza, l'ideale sarebbe creare una scadenza regolare (possibilmente settimanale o più volte a settimana) a cui gli utenti possono abituarsi, concordata in sincronia con il tempo che è possibile dedicarvi, in modo tale da costruire sempre contenuti di qualità che generino valore per il lettore.

#5 Il blog deve contenere una call-to-action in ogni post 

Come si convertono i lettori in clienti? Il segreto è uno solo: inserendo una call-to-action. È un vero must e forse la più ferrea di tutte queste regole. Se il contenuto dell'articolo ha lo scopo di ingaggiare il lettore e fornire una soluzione a un suo problema, offrirgli un reward è il modo migliore per stabilire una connessione diretta grazie alla richesta dell'e-mail. Starà poi al vostro team commerciale sfruttare al meglio questa nuova opportunità e mettersi in contatto con il nuovissimo lead!

#6 Il blog deve avere una strategia di promozione

Come si promuovono i contenuti del blog? Postare un articolo sul blog non basta più. Per quanto precise e studiate siano le vostre keyword, i primi risultati di SEO organica impiegheranno mesi ad arrivare. Per questo è necessario stanziare un budget e articolare una strategia promozionale. Esistono moltissimi modi per farlo: chiedete a degli influencer di scrivere alcuni guest post (così da sfruttare la loro base di follower per farvi conoscere), condividete l'articolo sui vostri canali social, ma utilizzate anche il social adv per farli arrivare a un target più specifico, oppure potete anche impostare campagne su AdWords. Le scelte sono molte, non si tratta altro di trovare la più idonea ai vostri obiettivi (e al vostro budget!). 

#7 Le performance del blog devono essere misurate, sempre

Cosa vale la pena misurare? Se è vero che tenere traccia delle performance del blog è essenziale ai fini del perfezionamento della strategia di contenuto, è altrettanto importante decidere cosa vale la pena misurare, onde evitare di finire sommersi da una marea di metriche inutili. Quali sono queste metriche sta a voi deciderlo, a seconda degli obiettivi che vi siete posti in fase strategica. Quanti lettori? Quanti nuovi iscritti? Quanti nuovi lead? Quante condivisioni? Quanti like sui social? Sono tutti aspetti interessanti, ma non dicono niente se non si riesce a collegarli all'effettiva buona riuscita della campagna

In sintesi, quando si tratta di blog aziendali il segreto è partire dal perchè, tutto il resto verrà poi di conseguenza. In tutta la sua complessità e laboriosità, il blog è uno strumento fondamentale in ogni campagna di Inbound Marketing. Ma perchè l'Inbound è così importante? Non basterebbe solo fare semplice pubblicità? Per rispondere a queste domande consulta la nostra guida sull'Inbound Marketing!

 

GUIDASTRATEGIAINBOUND

 

Bianca Giarola
Autore

Bianca Giarola

Nata nel mondo food e cresciuta tra cosmetica e pharma, lavora come Marketing e Social Media Manager per Digital Dictionary. Ipercritica e appassionata, è da sempre a caccia delle storie più belle che il mondo possa offrire. È fiera di aver smesso con le serie tv, peccato che stia guardando più cartoni animati giapponesi di quanto sia conveniente ammettere.

New Call-to-action
New call-to-action