<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=325701011202038&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

7' di lettura


La formazione digitale online incontra ancora oggi diversi ostacoli sia all'interno delle imprese che tra i moderatori e i docenti, fino all'opinione pubblica più in generale. Spesso si pensa che la formazione aziendale al tempo della Digital Transformation possa sostituire del tutto la formazione fisica in aula. È davvero così?

Assolutamente no e il Blended Learning ne è la prova!

Una metodologia formativa che combina l'insegnamento a distanza e faccia a faccia con un obiettivo: mettere insieme il meglio di entrambi i mondi per ottenere un apprendimento più efficace e coinvolgente. Vediamo quindi nel dettaglio che cos’è il Blended Learning e perché è così importante implementarlo in azienda.

In questo articolo parleremo di:

  1. Che cos'è il Blended Learning?
  2. I vantaggi del Blended Learning
  3. La formazione aziendale attraverso il Blended Learning
  4. Blended Learning: come costruire un percorso efficace in azienda

 

New call-to-action


1. Che cos'è il Blended Learning?

Il “Blended Learning” è diventata un’espressione sempre più comune per coloro che si occupano di formazione e indica un approccio metodologico di tipo “ibrido o misto”, dall’inglese “blending”  (mescolare/unire), che combina esperienze di apprendimento sia in presenza che online

Infatti, il Blended Learning (noto anche come apprendimento misto o ibrido) affianca e mescola gli strumenti e le tecniche innovative dell’e-learning con la formazione tradizionale e il sistema della Flipped Classroom.

Ma qual è esattamente la definizione di Blended Learning? Secondo Norm Friesen, professore alla Boise State University:

 

Il Blended Learning è un approccio che abbraccia tutta la gamma di possibilità offerta dalla combinazione di Internet e dei media digitali e dalle lezioni in aula, con la co-presenza fisica di insegnanti e studenti.

 

Il Blended Learning è, quindi, una modalità di apprendimento che fornisce soluzioni educative innovative attraverso un mix efficace di insegnamento in presenza e a distanza per insegnanti, formatori e studenti.

Dunque, come si struttura la formazione “mista”? Semplicemente, si combinano metodi tradizionali in aula con la formazione autonoma. Sono quindi previsti momenti di formazione tradizionale sviluppati attraverso lezioni frontali, momenti di learning by doing, di condivisione di materiale formativo - attraverso strumenti digitali e piattaforme proprie o di social enterprise, come Facebook Workplace e Yammer -, percorsi di gamification e così via.

I due approcci si completano tra di loro, fornendo ai partecipanti un’esperienza altamente qualitativa. Il Blended learning, infatti, unisce il meglio di entrambe le modalità di formazione: 

  1. da un lato permette al discente di apprendere al proprio ritmo, studiando contenuti anche in modalità e-learning;
  2. dall'altro gli dà la possibilità di confrontarsi in aula con i partecipanti e con il docente, mettendo in moto un circolo virtuoso di miglioramento continuo.

 

Il concetto di apprendimento misto è radicato nell'idea che l'apprendimento non è solo una registrazione di eventi una tantum, ma è un processo continuo

 

tentacle-magazine-secondo-numero


2. I vantaggi del Blended Learning

Con il Blended Learning ci troviamo di fronte ad un mix di formazione, che non vede la sostituzione della classica aula formativa, ma bensì soltanto più evoluta. Se il docente è un elemento fondamentale nel successo della formazione, il discente in questo caso assume un ruolo più centrale. Perché?

Questo metodo offre un engagement e un coinvolgimento migliore per le persone coinvolte. Allo stesso tempo favorisce lo sviluppo di diverse soft skill quali autocontrollo, organizzazione, digital mindset, gestione del tempo e così via.

Quali sono i vantaggi del Blended Learning, oltre a mettere la persona al centro della formazione? Eccone alcuni tra i più importanti:

  1. Aumenta il grado di coinvolgimento e di interazione. Sviluppa l’apprendimento collaborativo, la possibilità di porre domande e di chiedere spiegazioni aggiuntive;
  2. Rende la formazione più accessibile e “su misura”. Ha l'obiettivo di trovare e realizzare il giusto equilibrio, anche in gruppi molto eterogenei. Una formazione accessibile a tutti, che porta ad una diminuzione dello stress e a un aumento della soddisfazione;
  3. È divertente. La formazione non deve essere per forza noiosa. Tecniche come la gamification rivoluzionano la formazione e il concetto di apprendimento;
  4. Abbatte i costi e il tempo. Rispetto alla formazione tradizionale il tempo diventa più breve e di maggiore qualità, approfondendo le tematiche più complesse e condividendo esperienze, sensazioni e paure.

3. La formazione aziendale attraverso il Blended Learning

Oggi, chi si occupa di formazione in azienda si trova ad affrontare importanti sfide. Ad esempio, riuscire a contenere i costi e a ridurre i tempi senza minare la qualità dei percorsi formativi offerti ai propri collaboratori. Non solo, risulta poi fondamentale riuscire a mantenere alto il grado di coinvolgimento di tutti a prescindere dalla differenza di età, dal diverso livello di digitalizzazione e ovviamente dal ruolo in azienda

(Per saperne di più sulla formazione aziendale, leggi l’approfondimento “Guida alla formazione aziendale nel mondo moderno”).

Come fare per far fronte alle sfide elencate precedentemente, quali costi, tempo e coinvolgimento? Ma soprattutto, come garantire la continuità della formazione aziendale ai propri dipendenti di fronte a circostanze complesse come quelle del post lockdown? 

È qui che l'apprendimento misto, detto “Blended Learning”, si rivela essere un alleato fondamentale per la formazione aziendale.

Il Chartered Institute of Personnel and Development (CPD) ha condotto, in collaborazione con Accenture, un sondaggio dal titolo “Learning and Skills at Work Survey 2021”, in cui ha esplorato le tendenze e le pratiche di apprendimento e sviluppo delle competenze all'interno delle organizzazioni. Il risultato?

Dopo il lockdown, quasi la metà (47%) delle organizzazioni ha dichiarato di aver organizzato o implementato webinar digitali o aule virtuali negli ultimi 12 mesi; il 41% ha fornito corsi online; il 35% ha utilizzato contenuti digitali e il 17% ha offerto opportunità di apprendimento misto.

 

tentacle-learning-platform-formazione-digitale

 

La ricerca sottolinea la necessità per le organizzazioni di essere curiose e di uscire dalla propria zona di comfort per abbracciare nuove modalità e metodologie per erogare l’apprendimento.

In particolare, la varietà, la flessibilità e l’efficacia della formazione blended forniscono alle aziende numerose opzioni per migliorare le performance dei percorsi formativi, e di conseguenza quelle dei dipendenti, che si ritrovano attivi e centrali nell’esperienza della formazione.

Ma bisogna fare attenzione, perché non basta spostare online una parte della formazione: solo quando la tecnologia e l’insegnamento tradizionale si completano e si potenziano a vicenda possiamo parlare davvero di Blended Learning. Il segreto del suo successo è la progettualità didattica, cioè la capacità di attribuire lo strumento più idoneo ad ogni argomento o esigenza formativa.

Un apprendimento misto di successo si verifica quando la tecnologia e l’insegnamento si informano a vicenda.

Inoltre, i temi legati alla Digital Transformation si prestano particolarmente a questa tipologia di percorso. Perché? Gli incontri in aula possono essere importanti momenti di riflessione e di confronto sui trend più rilevanti di un mondo in continua trasformazione.

(Per un approfondimento sugli impatti della Digital Transformation in Italia si rimanda all’articolo Digital Transformation in Italia: gli impatti sulla competitività futura ).

Non solo, l’utilizzo della tecnologia diventa determinante per aggiornare costantemente e a costi contenuti tutti i propri collaboratori sulle novità in ambito digitale, oltre ad essere anche un elemento fondamentale che innova tutti i processi di apprendimento.

 

articolo4


4. Blended Learning: come costruire un percorso efficace in azienda

Non basta semplicemente fare un mix di diverse metodologie formative didattiche e non si possono usare schemi universali quando ci si avvale della formazione blended. Per poter improntare il giusto percorso formativo è bene che ciascuna azienda tenga presente:

  1.   il contesto aziendale
  2.   la tipologia di contenuti che si intende trasmettere;
  3.   gli obiettivi didattici;
  4. le risorse a disposizione.

 

Una volta chiariti tutti questi elementi allora sarà possibile costruire il percorso formativo più consono alle esigenze aziendali.

I fattori critici di successo del Blended Learning sono diversi. Qui ne seguono alcuni che vanno assolutamente presi in considerazione per realizzare un percorso efficace:

  1. equilibrare il più possibile le diverse tipologie di aggiornamento, cercando di creare il mix più adatto alle esigenze aziendali;
  2. attuare una modifica al ruolo del formatore, che nel Blended Learning, non è più colui che espone le teorie ma colui che guida tutta l’attività formativa come un regista;
  3. creare le basi per una maggiore contaminazione di linguaggi e contenuti, introducendo elementi digitali alla formazione in aula e viceversa;
  4. rendere le risorse autonome e responsabili, anche attraverso l’accesso alle piattaforme digitali utili per il percorso di formazione;
  5. valutare i risultati, raccogliere i dati e analizzare costantemente le informazioni è il modo migliore per sapere se gli obiettivi del percorso formativo sono stati raggiunti o meno.

 

Il Blended Learning per sua stessa natura, quindi, coinvolge i dipendenti e li pone al centro della didattica, dando loro autonomia e momenti di confronto utili per la crescita personale e di tutta l’organizzazione.

L'apprendimento misto o Blended Learning è uno dei tanti modelli proposti per il futuro dell'aula, assistita sempre più dalla tecnologia. Per questo motivo in Digital Dictionary abbiamo previsto percorsi di Blended Learning per comunicare in azienda, in maniera efficace e continua, le trasformazioni indotte dall'avvento del digitale

Come? Attraverso Tentacle Learning Platform, la Digital Corporate Academy che rende la formazione innovativa e coinvolgente in impresa, che stimola il confronto e il dibattito e che offre un supporto digitale alle lezioni svolte in assenza di prossimità.


tentacle-learning-platform-formazione-digitale

Redazione
Autore

Redazione

area-download-approfondimenti-gratuiti
New call-to-action