6' di lettura

Business committed, but social oriented: Yammer è una piattaforma di social enterprise figlia di Microsoft e destinata a introdurre un nuovo modo di comunicare all’interno delle imprese. In che senso? Un vero e proprio social network per il mondo aziendale: una specie di Facebook, dove gli amici sono sostituiti da colleghi, gli annunci sono sostituiti da promemoria aziendali e gli aggiornamenti sono legati a eventi, domande e problemi che i colleghi stanno cercando di risolvere. Fin qui tutto chiaro, sembrerebbe. Ma perché proprio Yammer?

In questo articolo parleremo di:

  1. Microsoft Yammer: cos’è
  2. Yammer: i vantaggi per le imprese

Sei un’azienda di grandi dimensioni, conosci Yammer e la tua domanda è: come usarlo a supporto dei processi interni? Ne abbiamo parlato nell’articolo “Yammer enterprise: consigli utili per usarlo al meglio”.

 

cultura digitale impresa

 

 

Microsoft Yammer: cos’è


La sua natura social lo suggerisce: Yammer è uno spazio di comunicazione e collaborazione in tempo reale all’interno del quale persone appartenenti alla stessa organizzazione si incontrano per rispondere a un obiettivo comune. Primo fra tutti, ma non il solo: lo sviluppo di progetti aziendali grazie alla possibilità di confrontarsi sui dettagli delle attività in essere, dividersi i ruoli e discutere le contingenze. Non a caso, ne abbiamo parlato come il social network di Microsoft per le imprese.

È ormai sotto gli occhi di tutti: la comunicazione interna in impresa è oggetto di un’importante evoluzione e a supportare questo cambiamento sono i nuovi canali di comunicazione digitale considerati sempre più una priorità e meno un’eccezione. Yammer è un esempio, al pari di Facebook Workplace.

L’intento alla base è lo stesso, puoi approfondirlo nel nostro articolo “Facebook Workplace: come cambia la comunicazione in impresa”.

 

_DD_immagini_interne_articolo.001-2

 

Una bacheca aziendale e una sala riunioni virtuale: Microsoft Yammer è a tutti gli effetti un canale di comunicazione che, in quanto tale, abilita i team che ne fanno parte a conoscersi e sviluppare relazioni. Senza dimenticare che, trattandosi di una piattaforma di social enterprise, come ogni social network che si rispetti, ma in prospettiva organizzativa, Yammer rafforza la community aziendale e l’engagement tra i dipendenti.

Dinamiche di questo genere rendono il terreno fertile per alimentare quello spirito di gruppo che cammina di pari passo con una maggiore produttività. Infatti, sempre perché di un social network si tratta… Yammer è un ambiente in cui i dipendenti sono incoraggiati a essere più creativi e proattivi: grazie alla presenza di un feed di notizie, chat istantanea e creazione di gruppi e sottogruppi, ogni risorsa aziendale può rimanere costantemente aggiornata rispetto al lavoro del proprio team o informarsi sui contenuti pubblicati da team diversi così come ricevere risposte a dubbi, domande e curiosità in tempo reale. Il risultato finale? Una formazione trasversale che guida verso il consolidamento di quel senso di appartenenza tanto chiacchierato.

 

🐙 Come ottimizzare la comunicazione interna in impresa? L'house organ, ovvero il magazine aziendale, è una risorsa utile in questo senso. Ti lasciamo qui il nostro: Tentacle Magazine.

LEGGI L'ESTRATTO

 

Quell’appartenenza al gruppo a cui guardava anche chi Yammer l’ha fondata. Geni: questo il nome dell’azienda che ha fondato Yammer con l'unico scopo di aiutare i propri dipendenti a connettersi e a comunicare all'interno dell'organizzazione. Il successo è stato così enorme che il canale è stato successivamente ampliato fino a diventare un prodotto e un'azienda propria, lanciata nel settembre 2008. Il suo destino? Da lì a breve, sembrava ormai scritto e nel 2012, la piattaforma è stata acquistata da Microsoft: oggi incluso in tutti i piani aziendali di Microsoft 365, Yammer è utilizzato dall'85% delle aziende Fortune 500 di tutto il mondo.

 

Yammer: i vantaggi per le imprese


Perché scegliere di usare Yammer all’interno di un’organizzazione? Il successo di Yammer in qualità di social network aziendale la dice lunga sul valore che è in grado di generare per aziende di qualsiasi settore e dimensione. Un trend emergente che vede il social enterprise figlio di Microsoft fare la sua escalation all’interno di ambienti professionali in risposta a un’esigenza ormai comune: replicare le modalità di interazione social diffuse nella vita privata anche all’interno del contesto di lavoro. Il fine ultimo? Lo abbiamo detto: primo fra tutti, aumentare la produttività facilitando il flusso di comunicazioni e stimolando il coinvolgimento e la partecipazione.

Per farlo, però, è importante ottimizzare il processo ed è qui che entra in gioco Microsoft Yammer. Un ambiente unico per team di sedi, città e paesi diversi, ma abitato da collaboratori di una stessa organizzazione. Uno spazio all’interno del quale lo scambio di sapere è all’ordine del giorno condividendo informazioni con i membri del proprio team o famiglie professionali diverse, in modo sicuro con messaggi visibili solo all’interno dell’organizzazione. E non a caso, la sicurezza dell’informazione condivisa  rientra tra i plus di Yammer all’interno del quale il controllo è decisamente elevato se anche letto da un’altra prospettiva: Yammer utilizza l'intelligenza artificiale e le funzionalità "segnala questo post" per mettere a conoscenza le risorse umane e gli amministratori di conversazioni potenzialmente dannose.

Disponibile anche in versione mobile, il social network di Microsoft facilita il flusso delle comunicazioni da qualsiasi posto e in qualsiasi momento sbloccando informazioni importanti e assicurando che queste fluiscano ai manager o ai lavoratori interessati.

 

_DD_immagini_interne_articolo.001-3

 

Infatti, la condivisione dei messaggi è intuitiva e favorisce una riduzione nel volume di e-mail inviate. Soprattutto in quelle occasioni in cui pubblicare un post sul feed è effettivamente maggiormente efficace rispetto all’elaborazione di un’e-mail talvolta anche eccessivamente formale. Ma per i più scettici a riguardo, nessun problema: Yammer si integra con Microsoft 365 garantendo così la visualizzazione dei post pertinenti direttamente nella posta in arrivo di Outlook.

In questo senso, la piattaforma social di Microsoft non solo aiuta a ottenere risposte rapide perché qualsiasi dubbio durante la routine lavorativa può essere risolto in pochi click ricevendo la risposta da chi si sente maggiormente competente in merito, ma potenzialmente dà anche voce a tutti. I collaboratori possono utilizzare Yammer per risolvere i problemi, fornire feedback, rompere i silenzi e alzare la mano per essere ascoltati dalla leadership e da altri membri. Quello stesso scambio di informazioni che non necessariamente deve declinarsi nella richiesta di supporto, ma anche nel condividere successi: pubblicare i risultati del team e dei collaboratori che hanno lavorato a un progetto aumenta il coinvolgimento e crea ispirazione stimolando altri team a fare sempre meglio.

E a proposito di condivisione di informazioni, è in questa stessa direzione che si muove anche un altro vantaggio, non meno importante: Yammer si presta a essere integrato all’interno dell’organizzazione anche come canale di formazione informale in quanto abilita aree di interesse comune all’interno delle quali caricare e condividere risorse necessarie per accedervi ogni qualvolta è necessario. Un esempio concreto? Ce lo abbiamo in casa e si chiama Bolton Group, un gruppo internazionale che per supportare la formazione aziendale ha deciso di inaugurare una community all’interno della quale tutti i marketers del gruppo possono condividere idee e ricevere consigli e suggerimenti rispetto alle attività quotidiane. Il fine? Facilitare l’apprendimento informale.

Ti interessa approfondire il caso studio? Ne abbiamo parlato nell’articolo “Bolton Group: il social learning a supporto della formazione aziendale”.

 

area-download

 

Maria Francesca La Rosa
Autore

Maria Francesca La Rosa

Digital Account in Digital Dictionary. Si dimena tra il desiderio di tradizione e l'entusiasmo per l'innovazione. Nel digitale ha sempre visto un valido alleato e per lei non c'è cambiamento che non sia ordinato. Le piace tanto curiosare e sperimentare, ma direttamente sul campo vuole testare. Learning by doing: è così che si dice? Di questo approccio è sempre stata una promotrice. Chiacchiera tanto e senza sosta e di una passione ne ha fatto la sua professione.

New call-to-action
tentacle magazine